Covid-19, domande e risposte

Chiarimenti sul covid-19

IL covid-19 ci stà cambiando la vita, adesso e probabilmente per i prossimi anni.

Ecco alcuni chiarimenti sul coronavirus del nuovo millennio.

Misure di contenimento.

Con il decreto ministeriale dell’11 Marzo, tutta Italia è stata dichiarata Zona Rossa.

Il Dpcm è valido fino al 3 Aprile.

L’ultimo decreto conferma, quindi tutte le misure restrittive del Decreto del 9 Marzo, meglio conosciuto come #Iorestoacasa.

Attività aperte.

  • Ipermercati 
  • Supermercati 
  • Discount di alimentari 
  • Minimercati ed altri esercizi  non  specializzati  di  alimentari vari 
  • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati 
  • Vendita di prodotti di elettronica
  • Negozi di alimentari, supermercati e tabaccai
  • Benzinai
  • Negozi d’informatica ed elettronica
  • Ferramenta
  • Vendita prodotti d’igiene e per la casa
  • Illuminotecnica
  • Edicole
  • Farmacie 
  • Parafarmacie ed erboristerie
  • SAnitarie
  • Profumerie
  • Petshop
  • Ottica
  • Prodotti per la pulizia della casa
  • E-commerce
  • Vendita via TV
  • Vendita per corrispondenz 
  • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici 
  • Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
  • Attività delle lavanderie industriali 
  • Servizi di pompe funebri e attività connesse

Raccomandazioni al popolo Italiano contro il covid-19

  • uscire unicamente per esigenze lavorative, di salute e necessità. Si ha l’obbligo di portare con se un’ autodichiarazione.
  • La falsa dichiarazione , quindi, è un reato. Leggi la direttiva del Ministro dell’Interno ai Prefetti e scarica il modulo di autocertificazione
  • evitare , pertanto, assembramenti di persone in ogni luogo.
  • si raccomanda a tutte le persone anziane di evitare di uscire dalla propria dimora, a parte casi di stretta necessità.
  • in caso di sintomatologia  respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C) è raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e di chiamare il proprio medico curante
  • se prescritto, l’isolamenton deve essere mantenuto per quattordici  giorni dall’ultima esposizione
  • sono vietati gli spostamenti e i viaggi

Chi contattare

In caso di dubbi o di timore di essere ammalati, non uscire di casa né recarsi al pronto soccorso ma contattare telefonicamente il proprio medico di famiglia oppure i numeri regionali.

Attività fisica

Secondo il decreto non è possibile uscire dal proprio domicilio se non in precisi casi.

L’attività fisica all’aria aperta non è espressamente vietata ma va contro tali linee guida.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *